la vacanza salutare

Buoni propositi per una vacanza salutare e riposante.

Il trucco è iniziare bene, il resto viene da sè, o almeno così dicono, anzi scrivono, anzi scrive l’ennesima rivista estiva che cambia ogni anno la foto di copertina ma non il contenuto, ad eccezion fatta di qualche ordinaria parafrasi buttata lì a caso, ovvero il titolo, i capitoletti, e il nome dell’autore perche sennò chi lo legge più a quello tanto dice sempre le stesse cose…Mmm ora che ci penso pure io dovrei cambiare nome così magari tutti possono dire oh hai visto quella scrive un po’ come Elena Incisa di Camerana però no, è molto più ordinaria e mediocre! anzi meglio di no perché poi ci rimango male e resto, come d’altronde da mia caratteristica saliente, nel lancinante dubbio se essere lusingata per il complimento o offesa per la critica, quindi insomma dice/dicono che il diktat è fare una valigia leggera con l’essenziale: ciabattine, due, nel senso di una destra e una sinistra, non due paia che già so’ troppe, un paio di costumi, qualche vestitino leggero per spiaggia e città (tipo double-face così ne hai 4 in due. No, non vale per le mutande!) e non so una crema solare, un doposole che tanto torna tale e quale perche ‘costocaldo a nessuno va di intrugliarsi dopo la tanto agognanta doccia serale. Ah e le scarpe da tennis!ah e i roller, no? Che fai li lasci a casa i roller?quando ti ricapita tutto ‘sto tempo per andare a pattinare? Ma lì è tutto un sali e scendi! Sai la fatica? Meglio!! Sai i botti? I botti?? Mmm, ok mettiamo in valigia ginocchiere, polsiere e gomitiere, tanto leggera la borsa non sarà, ma le intenzioni sono da premiare!
Quindi ricapitolando: ciabattine, un paio ovvero una destra e una sinistra, la fregatura è che porto 36, numero pari, quindi manco a dire che per fare paio, in romanaccio paro, ovvero numero pari, devo fare 37 per 2, oppure 35, ne porto due, ma poi mi stanno strette e che ne ho portate a fare 4 ovvero due paia se poi non me ne va nemmeno una, su quattro, di ambo i piedi, s’intende, insomma alla fine il 36, si sa, è tutta una fregatura; 2 costumi famo 6 va; T-shirts; una felpa.
UNA felpa! non due!!
ma questa è una felpa!
Manco per sogno amico del sole queste sono DUE felpe.
Due felpe? ma no! questa è una felpa, quest’altra è una felpa con il cappuccio! è completamebte diverso, sono due indumenti diversi, per non parlare della stoffa e del colore, ma va bene, discorso chiuso. E poi scusa ma che vuoi tu sei il
guru dell’armadio e sei interpellato solo durante il cambio stagione, aspetta qualche settimana ok, mò che ti sei infiltrato pure nella
mia storia della valigia? la mia valigia non è mica un albergo, figuriamoci una lampada! Pfff
Quindi, dicevo, un paio di jeans, tre cosi/vestiti o non so come chiamarli, per coprirsi come dicevo prima, le scarpe da tennis, (per fare??) i pattini e l’imbracatura antiinfortunistica.
Poi, un libro, magari in spagnolo sennò poi a quelli a settembre che gli dico?

Ora veniamo a veri propositi, ora che abbiamo risolto con lo zainetto/borsone/valigia/sacchettina.
1) mi alzerò presto la mattina -capirai sai che novità.
2) berrò un bel bicchierone d’acqua con una scorza di limone, per le vitamine.
3) mi metto le scarpe da tennis e vado a fare una passeggiata di 45 minuti. Si si! lo faccio senz’altro.
(Ecco il perché delle scarpe no?)
4) torno, altro bicchiere d’acqua, e doccia.
5) mettersi la crema solare tanto poi si scende in spiaggia
6) colazione leggera: caffè e latte senza lattosio senza proteine del latte senza grassi e senza nulla, insomma un bel caffè nero, e una fetta biscottata con uno strato sottilissimo e leggerissimo di niente sopra. È molto salutare.
7) niente zucchero che fa male, cioè ingrassare
8) poi vai in spiaggia, prendi tutto per tutti che sennò vabbè che la casa è a due minuti ma non credo che hai voglia di passare la mattinata ad andare e tornare spiaggia-casa, anche perché la corsetta mattutina l’hai già fatta – come se niente fosse – tra i due bicchieroni di acqua con la scorza di limone.
9) ti fai prestare l’ape poker dal custode per portare la roba in spiaggia, carichi la roba, scarichi la roba, riporti l’apetta al custode, scendi in spiaggia ma ora ti devi rifare la doccia perché sei sudata come se fossi uscita da un bagno turco dove ti hanno dimenticato per ore
10) ti rimetti la crema perché quella ormai è spalmata sull’ape poker del custode, che mai più ti presterà la sua apeprediletta per fare giusto un pezzettino perché sennò mi perdo tutto per strada e poi a te che ti costa
11) metti la crema ai ragazzini che nel frattempo come per incanto in meno di due secondi sono riusciti ad impanarsi di sabbia a regola d’arte quindi mentre gli spalmi la crema urlano aia aia mi fai male mamma!! Ma nooo vi sto facendo uno scrub naturale con la sabbia della sardegna vuoi mettere l’abbronzatura a fine estate e lo sai che è vietato portar via la sabbia rosa dalla Sardegna quindi la prossima volta state attenti a non insabbiarvi prima che vi metto la crema!! a quel punto dici vabbè fatevi il bagno che mamma si va a prendere un caffè e poi dopo tutta sta fatica mi rilasso cinque minuti.
Ma io ho fame!
Fame? chi diavolo…Sei tu Mattia? Lorenzo?? Ah no, Tommaso! mi sembrava strano i miei figli non hanno MAI fame. Tesoro, se vuoi credo di aver portato qualcosina ma fammi sentire mamma se puoi mangiare a quest’ora ok?
Che vuoi?
Un plumcake?
Dei crackers?
Le nutelline?
Una banana?
Un flauto? un flauto al latte? all’albicocca? al cioccol…
Un succo alla pera? Alla pesca? Acqua? Gassata o naturale?
niente?
Ma che ti sei portata la cucina?
Io? No è che dopo che in due ore ti sei fatta su e giù 10 volte alla fine scegli il male minore e poi così, una volta in spiaggia, chi si muove!
Mmm
Vabbè senti prenditi pure tutto tanto Mattia e Lorenzo non vogliono niente, anzi danne a tutti i tuoi amici poi quello che resta lo prendo io non ti preoccupare. Vado al bar.

Un caffè grazie!
ah che pace!!
Mamma!!
Si? che c’è??
Devo fare la cacca!
Adesso?
Si.
Vai!
No!!! Non qui!
Come non qui, dove sennò?
Voglio andare a casa!
Uff che pizza
Vabbe andiamo, mi fai finire il caffè?
Eh no, mi scappa!!
Ok andiamo, senti la tazzina te la riporto dopo bevo il caffè mentre vado.
Io bevo il caffè, e la cacca scappa a te, mah.
Senti, già che ci sei pensa se vuoi portare altro giù perché io non ci ritorno a casa dopo ok?
Si mamma.
Torniamo in spiaggia quindi?
Si.
Bene.

Mamma dov’eri sono due ore che ti cerco!
Ero con Mattia, perché?
Devo andare in bagno!
Anche tu!!
Si!! mi porti?
Ok, andiamo qui.
No! non qui!!
oh Cribbio!! Non puoi andare con tuo padre?
Noo voglio andare con te mamma!
E come ti sbagli eh…

Ma non ero ai buoni propositi? ah si come no ero alla 12! quindi
12) berrò due litri di acqua al giorno
13) mangerò solo insalata scondita, pesce alla griglia, carne bianca, frutta e verdura di colori diversi tutti i giorni!
Le banane andranno benissimo!
Ho detto di colori diversi.
E allora? Prima la banana è verde, poi gialla, poi nera, non ti sembrano colori diversi??
Va bene tutta la frutta tranne le banane.
Ok allora i fichi!
I fichi no!
Eh come no! hai detto tutto tranne le banane! Mo’ che c’hanno i fichi? sono verdi e neri e dentro pure rossi e bianchi? manca il blu? è questo il problema, il blu? i fichi sono viola, il viola è un mescuglio tra il rosso e il blu, due colori primari, quindi non stare troppo a fare il difficile. Guru dei vegetali!
No, niente fichi. Fichi e banane, nisba, niet, nada, nichts!
E va bene.
14) niente patatine, birra, olive, prosecco, filu e ferru, salsiccia sarda, crocchias, niente di niente. All’ora dell’aperitivo una sanissima acqua liscia con la scorza di limone andrà benissimo. Con tutta l’acqua che stai bevendo ti puoi far fare un’ecografia tutti i giorni senza preavviso…
regola numero…e io che pensavo di andare in vacanza…
Ma vuoi mettere? Starai tutto il giorno sdraiata, (ovvero senza un grammo di energia) leggera come una piuma (ovvero con i crampi della fame) e con i muscoli tonici (con il raduno annuale delll’acido lattico)!
la tua pelle e il tuo corpo ti ringrazieranno, quando impareranno a parlare visto che saranno incazzati neri per le torture e il maltolto. Ma no! Tu sotto sotto sai cosa ti fa bene veramente!
quindi mi sa che ci siamo, direi che ne abbiamo abbastanza e anche se ce ne fossero altre di regole, nel dubbio credo che mi asterrò, visto che a quanto pare questa è l’estate delle astinenze e ci fermiamo qui che è meglio.
ah dimenticavo! una nuotata tutte le sere verso le 19.30 è d’obbligo, il mare a quell’ora è una meraviglia!

Elena, vieni a nuotare fino alla punta?
zzz… chi… ah, eh ma non ho gli occhialetti!! domani? facciamo domani? che dici?
Ce li ho io, ti vanno sicuramente questi. Toh prova!
Mmm, o…k…. Ma guarda Andrea c’è troppa gente adesso, magari più tardi? che dici, stasera verso le 7?ok??
Va benone! Allora andiamo, che sono già le 7!
cosa? e come mai c’è tutta sta gente?
Veramente non c’è più tanta gente, il mare poi è stupendo, dai andiamo?!
Hai detto le 7?? che ne dici di una birretta!! Ragazziiiii!!! aperitivoooo!!
Noo ma daiii Elena!! Facciamo una nuotata e poi l’aperitivo in spiaggia.
Dai! su.
E va bene, andiamo.

Elena? Oh Elenaa!
Che c’è?
Sei pronta?
Pronta? per?
Hai chiuso la valigia?
Quale valigia scusa?
Dai che dobbiamo partire, non hai ancora finito di fare la valigia?!!
Ma perché dove stiamo andando?
Ma sei impazzita, che ti prende, andiamo in vacanza, al mare, no? Ti senti bene?
Al mare? come al
mare? ma non siamo appena tornati??

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s