Una bella giornata di pioggia

pioggia_al_suolo

Senti le gocce cadere.

Apri gli occhi e vedi, piccoli spilli picchiano il suolo, schiantandosi si aprono in mille pezzi, minuscole particelle di nuvole lontane si spaccano disperdendosi sull’asfalto.

Violente emozioni.

Pioggia calda, pioggia fredda.

Ascolti la sua musica, respiri il suo odore. Odore di oceano, odore di deserto.

Le gocce una ad una lentamente ma violentemente cadono sul vetro, come lacrime accese scivolano giù e, esauste, si fermano. Alcune si congiungono, l’unione fa la forza, altre si disperano, cercano, cercano, restano sole, muoiono.

Ma eccole, leggere ed impalpabili, pesanti di sabbia di paesi lontani, portano con sé ricordi di profumi esotici e caldi. L’acqua, la vita.

I granelli, i più furbi, si sono alzati nel cielo e mischiandosi alle nuvole ricadono miseramente su di un suolo ostile: asfalto, grigio, nero, sporco.

Che amaro destino.

Cosa nascondono? Storie di grandi glorie, grandi tempi, grandi colori, un tempo rocce maestose, ora minuscoli ed insignificanti puntini, sciacquati via con disprezzo, per chi non li vuole capire.

Il tempo, che per tutti passa, lentamente li ha logorati.

Granelli intrappolati, destinati a separarsi per sempre o strofinarsi l’uno contro l’altro in una bolla d’acqua, di vetro, una clessidra che li capovolge, sempre e ancora, e ancora, fino a consumarli. Polvere, ma polvere di stelle.

Loro, destinati per sempre a scivolare via, lì a testimoniare il tempo che passa.

Che bella giornata di pioggia.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s