I piloti di linea si annoiano

I piloti di linea si annoiano.
Avviso ai lettori: questa storia è per metà inventata, e quindi – come precisava solitamente una persona che conosco di cui non posso fare il nome – una metà è vera, l’altra metà: no.

Ora ho capito, i piloti di linea si annoiano.
Ne sono certa ormai.
Non può essere diversamente.
Eh si perché con questi aerei super moderni super sonici super facciotuttoio, anzi superfatuttoilcomputerpercheanoifondamentalmentenuncivadifaruncazzo ovvero il pilota automatico, cosa c’è di tanto eccitante?
Niente. Per loro, niente.
Per loro…

Quindi “loro”che fanno?
Nel momento del l’arresto sulla linea della pista di decollo in attesa del via libera della torre di controllo, cioè “Lima Echo Victor Alfa Tango India Delta Alfa Lima Lima Echo Bravo Alfa Lima Lima Echo” ovvero altrimenti detto “levati dalle balle” (eh si io il gergo dei piloti/ controllori e militari lo conoscono, mi sono documentata, e se non lo conosco, invento, tanto l’avviso ai lettori l’ho messo no?) dicono vabbè almeno famosele du risate prima di 12 ore di volo no?

E quindi sparano a palla i motori e appena raggiunta la quota di 500 metri dal suolo – che praticamente corrisponde alla distanza di casa tua con la prima fermata dell’atac e diciamo all’altezza dell’attico/superattico dei vicini- wraaaammm! Virata a destra, di non so quanti gradi che tu stai lì a reggerti al bracciolo e dici oh ma bello il cielo oggi visto da un’angolazione così perpendicolare, aspe ma forse ho sbagliato fammi guardare un po’ giù e wraaaammm! Che bella la terra vista dal finestrino da un’angolazione così perpendicolare… si vabbè ho visto ho visto guarda che se volevamo vedere Roma dall’alto ci compravamo un poster vista satellitareeee … oooohhh pilotaaaa abbiamo visto tutti mo’ ce lo fai il piacere di andar dritto!? Non ci sono mica curve nel cielo sai?? o ti si è rotta la cloche???!!

Insomma, 5 minuti di brivido e di divertimento a questi poveri, annoiatissimi piloti glieli volgiamo concedere prima delle 12 ore di crociera?
Mmm ma dove sta scritto che a lavoro uno si deve pure divertire scusa eh?
Non possono, anche i piloti, annoiarsi – come tutti noi poveracci – quando lavorano?

Comunque, ne sono sicura, lo fanno apposta, pensano di stare al MotoGP loro, solo che io non sono una fan del motociclismo e non è domenica e io non sono nemmeno seduta comodamente sul divano a piedi nudi con un barattolo di nutella e un mestolo in mano mentre quelli lì si consumano le ginocchiere!
Quindi fateci il cavolo di piacere, gentilissimi e rispettatissimi piloti di linea, di andare a cercare le forti emozioni fuori dal vostro orario di lavoro, ok?

Comunque, ora siamo in volo e abbiamo davanti altre … 9 ore di volo.
Alle spalle abbiamo: già una tratta breve (Roma-Parigi) un’attesa breve all’aeroporto Charles de Gaulle, con annesso miracolo di non essersi perso nei labirinti, e una faticosa ricerca del mio sedile, un decollo con tanto di andiamo a destra, anzi no a sinistra, anzi no a destra anzi no a sinistra ma stavolta ok, poi dritto e finalmente dopo un po’ di scodinlozamento ci siamo decisi andiamo dritti per un po’…un pranzo e un film.
Il pranzo lo lascio perché è sempre la solita solfa, aperitivo? vous voulez quelque chose à boire? Champagne? e i francesi sono democratici, perché questo vale anche se sei seduto al posto quello in fondo, in coda, quello con l’animazione per intenderci…. il posto dove incontri tutti i passeggeri prima o poi… Con tutte le espressioni e atteggiamenti pre e post toilette, e la colonna sonora: slam, ciufffff, sbang, e di nuovo sbang.
Poi pranzo con il vino, ma lì, a differenza di altre compagnie, ti lasciano una bottiglietta di vino e ti risparmiano l’imbarazzo di dover chiederne ancora…
Ahhh no aspetta! I vassoi sono FANTASTICI!! Antiscivolo! Giuro!! Pazzesco, i piatti, bicchieri e posate restano attaccati come incollati!
Ne devo avere uno ASSOLUTAMENTE, per tutte le mattine che Lorenzo salendo sul divano da un calcio al mio vassoio quando ho appena iniziato a bere il mio caffèlatte fumante che mi finisce regolarmente addosso, sul divano e sul tappeto.
Devo ricordarmi…. salierine usa e getta (o no?) della DELTA AIRLINES, altre salierine (quelle più chic, con quel tocco mitteleuropeo) dell’ALITALIA e i vassoi antiscivolo AIRFRANCE.

Torniamo ai film, si me li spulcio tutti e poi dopo aver letto tutte le recensioni dico ah si questo non mi farà piangere, ho scelto la commediaidealeper12oredivolo, il film perfetto per distrarmi! poi mi accorgo che no, decisamente no, forse è l’aereo, o forse sono emotivamente instabile perché come sempre eccomi con gli occhi gonfi di lacrime e il naso rosso e tutti i fazzoletti fradici, che non posso usare salvo poi ritrovarmi una gomma da masticare sulla palpebra destra ma…no non ho una gomma appiccicata all’occhio e no… non mi sono fatta male, sono i nuovi patch anti occhiaie di Chanel no?!!
No, non sono in commercio ancora, li sto provando IO per la Maison, poi gli dirò se funzionano, lo sanno tutti che se cerchi occhiaie devi venire da me, e questo a quelli di Chanel non è sfuggito.
Il sedile, ah mi ero dimenticata… Quindi ho attraversato in largo e in largo (si due volte in largo perché il numero di fila lo avevo trovato) l’aeromobile (si dice anche così vero??) alla ricerca del C… o meglio diciamo alla ricerca della C, suona più elegante… ma io mi riferivo al sedile!… ma vabbè, sorvoliamo…. quindi alla fine ci sono arrivata ma non prima di aver fatto alzare tutte le persone che si erano già sedute nei sedili centrali perché non trovavo la C, e si che ho fatto il check-in online dovrei sapere che posto ho scelto, no?
La prossima volta mi stampo anche la mappetta dei sedili!
Il check-in on line per me è un dilemma, senza contare che mi viene la claustrofobia solo a vedere il disegnino dell’aereo… Superata l’ansia dell’effetto visivo, ti devi porre la domanda naturale, quella per la quale ti sei presa la briga di andare su internet, sul sito della compagnia aerea, sul numero di volo e tutte queste cose antipatiche per poi dover prendere la Decisione:
Finestrino o corridoio?
Entrambi no?
No perché il finestrino per me è fondamentale per vedere se fuori va tutto bene, ma il corridoio è fondamentale per fare quello che ti pare, ti alzi quando vuoi, rovesci il vino rosso a piacere, fai quattro salti e soprattutto non devi scavalcare armadi a quattro ante o in alternativa chiamare il traslocatore se ti devi muovere.

Ecco ho finalmente trovato il sedile C, corridoio, facile! Era prima della E, ma non prima in generale, ma immediatamente prima della E, cioè per i francesi abbiamo: a, b, c, e, si sono dimenticati la D, sul volo Air France niente D. Se la sono proprio dimenticata, ma pure la I! quindi io per airfrance mi chiamo elena ncsa camerana, forte!!
Vabbè in fondo sono solo lettere, anche qui scusa chi ha detto che devono esserci tutte e nell’ordine? Insomma iniziamo a vedere le cose da un punto di vista critico, spezziamo queste regole e luoghi comuni, se io la d non la voglio, non ce la metto, punto. Venitemi a dire qualcosa, anzi …ven.tem a …r qualcosa!!

Ok, ecco il mio posto.
Bonjour! Si io sono il C, quindi perfetto, già, non si deve alzare, merci monsieur…
Beh monsieur, questo è un tipo strano, non lo definirei un signore, piuttosto un prototipo. Ecco monsieur Prototipo!
Intanto parla al telefono con qualcuno, una donna presumo, con aperto il giornalino del duty free dell’aereo leggendo tutte le caratteristiche del mascara di Dior che spacciano sul volo, e legge tutto, al minimo dettaglio e ok, alla fine aggiudicato ti compro questo quindi fino al mio ritorno non mi rompere più le balle eh, ho detto un solo giochino ok? Uno solo ora basta fare capricci, ciao.

Mmmm che tipo accomodante!!
Tocca che faccio la brava qua sennò questo mi mette in punizione per tutto il viaggio! Mi farò dare una cannuccia per il vino.
Il prototipo è così: uomo di mezza età, io per mezz’eta intendo solitamente nonholapiùpallidaideadiquantiannipossaaveredai45portatimaleinsù, ha i capelli tagliati cortissimi bianco-ex-biondi, uno sguardo e occhi di ghiaccio e un maglioncino a collo alto nero e le braccia poggiate prepotentemente sui braccioli come a dire non-pensarci-nemmeno-bella-io-ti-mangio-in-testa-quindi-prenditi-pure-tutto-lo-spazio-che-vuoi-al-di-fuori-di-quello-che-serve-a-me, insomma in due parole direi il cugino antipatico di Sting cresciuto a dismisura.

Non esiste una compagnia che ti fa scegliere on line il vicino piuttosto che il sedile??

Vabbè pazienza, magari è meglio di tanti altri, e io non devo cadere nella trappola, l’apparenza inganna, io ne sono l’esempio vivente… Lo sanno tutti che ho 20 anni.

Oh no, il Prototipo legge “le canard enchaîné” Che è il tipico giornale satirico-polemico francese (qui la parola francese è ridondante) di denuncia insomma questo è pure un rompiballe!!

E io che mi ero portata un libretto francese caruccio caruccio divertente che ora manco lo posso tirare fuori (ecco vedi a non foderare i libri con carta da giornale per paura che pensano tutti che stai leggendo un libro erotico!!) perché magari lo vede e si mette a questionare allora io gli dovrò dire che lo leggo per imparare il francese che pensa l’ho imparato benissimo solo con la prefazione e si non so come mai ho l’accento parigino forse sarà che sono portata per le lingue ma che ne so io, questo libro l’ho appena iniziato a saperlo ne prendevo diversi anche in altre lingue altro che scuole straniere, buttati sul “Le Petit Nicolas” ed è fatta!
…ma comunque guardi sono molto più giovane di quello che sembro, non lo vede che ho le cuffie al collo e lo zaino e i jeans? Secondo lei una quarantenne in missione di lavoro se ne va in giro con Le Petit Nicolas, uno zaino dei NYyankees e le cuffie al collo?
Sono Cuffie noise reduction?
Noise che? Chi? Io cuffie noise reduction? Naaa, sono banalissime cuffie per ascoltare musica rap, anzi no come si chiama quell’idolo delle teenager…. Justin Timb… No aspe…Justin… Bebè??
No….non bebè com’era accidenti… Mi devo prendere il fosforo…
Justin B…. Bieber!! Ecco io ascolto senz’altro JUSTIN BIEBER! Come tutte le mie ami… comitiva, tutte le mie comitive!!
Come? Vuole sentire? … Ma forse gli dovrei dare del tu… i ragazzi di oggi danno del tu a tutti non hanno nessun rispetto per gli adulti… Beh ma io sono educata, sono una teenager educata.
Sentire cosa scusi signor Prototipo?
La musica?
Ma no… è spenta.
E perché tengo le cuffie alle orecchie?
Eh… Mi…sono dimenticata il cerchietto per i capelli a casa! Ecco!
Metta una canzone di Justin BIEBER che non ne conosco una!
Mmm aspetti…ok, ora ne metto una!
Sicuro che non ne conosce nessuna vero Signor Prototipo?
No? Allora tenga pure le cuffie!
Ma non si sente, alzi un po’.
Cosa?
Il volume.
Quale volume?
Delle cuffie!
Ah, giusto. Ora?
Niente.
Ah e si vede che sono rotte mannaggia vede dovevo chiedere a papà di darmi più soldi e comprare delle buone.
Mi faccia provare “signorina” ecco ora funziona. Ma… Maaaa
Che c’è? Che succede Monsieur?
Questo è Harry Belafonte!
Harry chi? Non so di cosa lei stia parlando. E non conosco nessun Harry Belanonsoche.
Questo è Harry Belafonte e lei non hai 20 anni!
Ok ok lo conosco Harry Belafonte, guardi che mi sa che è lo …zio d’America di Justin Bieber, e poi si che ho 20 anni!! Mi sono presa un anno… simpatico dopo la maturità e vado in Perù a fare esperienze di vita.
Ah non si dice simpatico?
Come?
Sabbatico??
E che vuol dire???

Epilogo
Finalmente arrivati. Ora mi hanno detto che ci aspettano all’arrivo a me ed altri delle diverse delegazioni.
Ok, ah eccone due che conosco! Bongiorno, anche voi sul volo Airfrance, lungo eh quasi 13 ore! Ah e lui…. Che ci fa… Bonjour….monsieur Prototipo? qui con noi??
Si, io sono qui per l’organizzazione abc, e lei? Ah e lei è per… la Francia…. Lei chi… è….mi scusi? Il vice direttore di…. ah … oh no… anzi si che bello…ma che coincidenza…. quindi lei è tecnicamente il … Grande Capo del mio progetto?! Piacere, Elena Incisa, avvocato.

One thought on “I piloti di linea si annoiano

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s