e(s)quilibri

è tutta una questione di equilibri precari e casuali

quante sono le cose che se fatte diversamente producono lo stesso effetto? Pochissime. O piuttosto, quali sono?

Basta cambiare un solo dettaglio ed ecco qua che il risultato cambia.

Quindi, la nostra vita quotidiana è un insieme di equilibri o squilibri concatenati, per i quali tu sei parzialmente autore, o meglio dire, colpevole, ma nemmeno più di tanto.

Mettiti a dieta o a cucinare, per fare un esempio, ma lo puoi applicare a tutto, basta sbagliare di poco e mandi tutto all’aria: sforzi e impegni vanificati per un nonnulla, e magari tu manco lo sai, e ti chiedi … perché non funziona? Chi lo sa, libero arbitrio o puro caso?

Entri in un bagno pubblico, ti lavi le mani e, davanti allo specchio, accanto a te , una donna. Sono io? Si scruta severamente, passa ripetutamente le dita tra i capelli per sistemarli. All’improvviso fa un passo indietro, si ferma, si studia, accenna uno sguardo di compiacenza ed esce. Tu pensi, è uguale identica a qualche istante fa. Cosa è cambiato? Cosa ha visto di diverso nella sua immagine riflessa che per te è impercettibile? Cosa l’ha convinta a darsi il via libera ora posso uscire?

Siamo alla ricerca del dettaglio invisibile, seppur fondamentale, il piccolo immenso dettaglio.

E, quando meno te l’aspetti, qualcuno si diverte a cambiarti lo specchio che hai davanti, e diventiamo lentamente pazzi.

Io il mio specchio lo voglio sfumato, di passi indietro ne faccio anche due. Non le voglio vedere le cose troppo chiare (e poi, chiare, per chi?) lasciatemi l’illusione.

Ma non è tutto così, o forse si, e nel dubbio, sai che c’è? chissenefrega.

One thought on “e(s)quilibri

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s