Thriller Night

Nel buio della notte fonda e silenziosa, disturbato da timidi raggi di una luna fredda e bianca che filtrano dalle persiane, il Serpente domestico all’improvviso spalanca gli occhi.

Un furtivo sguardo a destra e a sinistra e… si, è il momento giusto, oh si che è il momento giusto!

Con un’eleganza e leggerezza proprie del più abile dei rettili, il Serpente si libera di coperte e cuscini e scivola giù, in un silenzio pressoché totale… toc, la testolina poggia dolcemente sul pavimento, e iniziamo a strisciare…Ssssss… lungo il corridoio… ssssss, il Serpente si ferma. Si, tutto tace, sssssssss… avviciniamoci alla stanza, al talamo della vittima, la preda maestra: la Mamma.

Ignara e spensierata, la Preda dorme, avvolta, per ora, solo da un soffice ed accogliente piumone.
Un impercettibile rumore e la Preda si sveglia, intravede un’ombra sull’uscio della sua camera da letto, ma… no, non può essere, non ci sono serpenti in casa!
Si gira e si riaddormenta, inconsapevole dell’imminente attacco.

Pericolo scampato, il Serpente ha mantenuto il suo proverbiale sangue freddo, proseguiamo pure con la strategia d’attacco.

Ma tra qualche minuto… La fretta, si sa, è cattiva consigliera…

Via libera, all’attacco!

Il Serpente si avvicina lentamente ai piedi del letto, scruta l’orizzonte alla ricerca di un anfratto, uno spazio, una fessura, un “luce verde, mi posso infilare” e lentamente inserisce la sua testolina, un colpo di coda ed ecco, il Serpente è sotto il piumone alla ricerca del corpo caldo e inerme della Preda.

Ed eccola qui, pronta per essere mangiata, apparentemente e evidentemente indifesa.

A quel punto il Serpente si infila nella manica della soffice maglia della Preda e risale, risale, lentamente ma affannosamente, risale, fino alla spalla, alla nuca. La Preda all’improvviso si sveglia, incastrata in una morsa fredda, bloccata, cos’è? un serpente si avvinghia, dalla manica esce dal colletto, intorno al collo, il MIO collo, che succede? Aiuto, soffoco, non respiro, cos’è, ma… aiuto, un altro serpente, freddo, dall’altra manica esce dalla schiena, intorno ai fianchi, un interminabile, lunghissimo e freddissimo serpente, due, o tre, concitati serpenti, cercano qualcosa, ansiosi, ma quanti sono!! Aiuto sono incastrata, soffoco, non voglio morire, no! aiuto, soffoco, non resp… Ma cos’è? Quanti serpenti, gelidi e viscidi mi scivolano addosso, aiuto, la vittima senza fiato e terrorizzata apre gli occhi e … 

mamma, sai dov’è il ciuccio?

3 thoughts on “Thriller Night

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s